25 novembre 2007

So’ Qcuerela da Pariggi...

Gabbriele s’è preso ‘a serata libbera pe’ stà cor core suo che torna oggi da’a perfida Arbione? E io, Qcuerela, ne approfitto finarmente pe dì quer che penso davero de ‘sto frocione bokassiano porpottista. Certo che ‘n artro così dentro de Kirompo, proprio nun ce voleva. Prima sa’a pija co ‘sta poraccia de ‘na Bbinetta, che noi demmocratici avemo solo da ringrazialla che artrimenti staremmo già tutti a coce nelle penne de l’inferno, che mica semo dell’Opus Ghei, epperò quarche marachella ‘a famo pure noi. Poi però ce perdoneno, perchè semo demmocratici e c’avemo Vartere che è er più grande de tutti, anzi è Ddio. E perché in ogni caso, ‘o stamo sempre a mette ner bucio giusto, noi. Voi no, nun ve perdoneno perchè venite da Sodomo (che poi sarebbero l’attivi) e Camorra (li passivacci) e Vartere è contro a ogni forma de crimminalità. E quanno Vartere addiventa er sindaco de questo nostro stivale, vedrai er carcio ‘n culo che j’arriva, a lui e a tutta ‘a ggente come lui.
E ‘sta storia da’a omofonia? Quarantasette poste in un anno sempre su ‘sta storia da’a omofonia. Ma de che ve lamentate se siete usciti da’a sponda sbajata der biondo Tevere? Accontentateve. Vartere (che poi è Ddio) è stato tanto bbono (no buonista, come sento dì) co’ li froci sua: invece de spedilli a li forni pe’ farli coce come tanti abbacchi, li fa ballà, li fa divertì, je organizza ‘e feste,... Così armeno se moveno, dar momento che ce tengono tanto a’a ligna. Che, nun je basta? Che, pretendeno pure da parlà de politica e de diritti, adesso, come ‘sto Gabbriele? Che poi s’a pija pure c’a’a Bbindi, porella, c’ha fatto tanti sforzi pe’ mannacceli, ‘sti froci der... Dove? ‘Ndovina!
Però ‘na cosa la vojo dì, e ‘n sassetto dalle ciavatte m’o vojo levà: nun me toccate Palerio Vieroni, pe’ carità, che pure quer bokassiano porpottista der Korvosomaro l’a difeso, perchè mica che Vieroni è ‘n omoforo, nun me pare mica, so’ l’artri a esse froci! E quindi per cui, se ce deve stà ‘n sincero demmocratico come er nostro grande Palerio (che però nun è grande come Vartere, che è er mejo), allora ce deve stà pure Spartacus Quirinus Brog, che c’ha pure er marchietto de reggistrato e copiato, per chi nun ce ‘o sa.
E adesso, come direbbe er maggico Vartere per farte ‘n augurio e perché tanto “è solo un modo de dì” che noi de sinistra amamo tantissimo: m’anvedi d’annà affanculo.

Post scritto, no orale. Pe’ capì er perché e er percome de ‘sto poste, va un po’ a vede ‘st’artri brog: Lameducche, Croro, Korvosomaro. So’ amici de li nemici dell’amici dell’amici mia. Saranno amici mia? Boh!

2 commenti:

Spartacus Quirinus ®© ha detto...

eh ma te se' dimeticato er primo l'unico inimitabbile Spartacus Razzoni: er mistico de Vartere, er profeta der PD che nu è na bestemia in sms ma er aprtito democranico.
Vià e visita er brog mio che se parla de politica veramente:
http://spartacusquirinusblog.blogspot.com/

Lameduck ha detto...

Sei un mito. ;-) Lameducche non ha resistito e ti ha citato su http://spartacusquirinusblog.blogspot.com/