04 giugno 2007

I maschi, la violenza e l'odio

“Mi sbaglierò, ma ho l’impressione che attualmente, per la parte che seguo di blogosfera, quella che si occupa anche di massimi sistemi, le cose più coraggiose le scrivano le donne. [...] Con quell’entusiasmo che prova chi può finalmente parlare liberamente dopo tanti secoli di silenzio imposto e che gli uomini invece stanno perdendo. [...] Proprio per questo gusto rivoluzionario ancora fresco in memoria le donne non hanno paura di parlare e ragionare su temi come la violenza e l’odio, che i maschi temono e non affrontano apertamente, perché sono abituati a sublimarli nell’omofobia o magari in quel ‘troia’ vomitato contro chi osa non adorarli in ginocchio”.
La migliore risposta che si potesse dare al commento che Lucio ha lasciato al mio post precedente, l’ha scritto Lameduck. Ma lei ha fatto molto di più. È andata oltre, per dipingere un ritratto degli uomini (e delle donne) della blogosfera che mi sembra assai giusto e che condivido. Trovo che abbia ragione da vendere e che se ne possano trarre conclusioni anche più generali. Per questo vi invito caldamente a leggerla.

1 commento:

Lameduck ha detto...

Grazie per la citazione ma vedo che nessuno ha voglia di confrontarsi e mettersi in discussione. Come volevasi dimostrare?
Un abbraccio