25 febbraio 2008

Sta per cominciare il primo confronto televisivo Zapatero-Rajoy

Tutto è pronto. Dopo quindici anni di assenza, nella campagna elettorale spagnola si riaffaccia il dibattito televisivo. Dopo essersi negato per tutto questo tempo, alla fine il PP ha accettato di organizzare due confronti con il PSOE: il primo, in onda tra pochi minuti, e il secondo il 3 marzo prossimo, a meno di una settimana dall'appuntamento con le urne.
Protagonisti: il socialista Zapatero, presidente del governo, e Rajoy, segretario del Partido Popular. Una scenografia dai toni grigio metallizzato, "sobria ed elegante", venti telecamere, sei assistenti per il candidato socialista e sei per quello popolare (uno di loro potrà avvicinarsi ai contendenti durante la pausa pubblicitaria), un cronometro manovrato  da rappresentanti della Federazione spagnola di pallacanestro. Tra tutti i dettagli diffusi dalla stampa, non manca neanche la temperatura dello studio: 21 gradi, non uno di più, non uno di meno.
Curiosità a parte, secondo alcuni esperti questo dibattito non farà cambiare idea a chi ha già deciso di votare l'uno o l'altro, ma servirà forse a convincere qualche indeciso. Per il momento, secondo i sondaggi (per quel che contano), Zapatero parte oggi con un vantaggio di quattro punti su Rajoy (44% di consensi contro 40%). I temi che i due candidati tratteranno questa sera: economia e impiego, politiche sociali, politica estera e sicurezza, politica istituzionale, sfide per il futuro. 

OkNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OkNotizie

Nessun commento: